Gioielli Etnici online

gioielli etnici africani

Showing all 29 results

  • Gioielli Etnici online

    79,50 
    AFC157

    Collana gioiello in bronzo dorato.
    Riprende i tipici nonchè tradizionali modelli indossati dalle donne Fulani o Peul.
    Solitamente la lamina è in oro, viene scaldata ed in seguito battuta a martello dando origine alla forma.
    Molto leggera da indossare.

  • Croce Etiope

    48,50 
    AFCR34

    Ciondolo raffigurante una croce Etiope in argento intagliato.
    Le croci Etiopi prendono in genere il nome dalle città o dalle provincie dell’Altopiano, e realizzate con la tecnica della cera persa, spesso ricavate da un tallero di Maria Teresa. Possono essere di tipo Greco o Latino, mostrare influenze Celtiche o dell’alto e basso Egitto. Vengono indossate dagli Etiopi Cristiani a testimonianza della loro Fede.

  • Niger – Pendente Etnico

    85,00 
    AFP82

    Pendente realizzato su disegno occidentale.
    E’ in Argento e Ceramica cotta e smaltata.
    La tecnica è Raku – sul retro la sigla/firma dell’argentiere
    Abbinato vi è un laccio regolabile in lunghezza in seta laotiana colore cangiante.

  • Collana Africana del Mali con vecchie paste vitree

    75,00 
    AFC139

    Collana realizzata con tagli di vecchie paste vitree colorate in giallo.

  • Collana di straordinario Artigianato Africano

    440,00 
    AFC131

    Straordinaria ed importante Collana, caratteristica dell’artigianato africano.
    E’ interessante l’utilizzo di materiali così diversi tra loro, tra i quali il vetro, la conchiglia e la bachelite, che rendono comunque armonico e lineare l’effetto finale.

    Fin dall’antichità, i popoli di questi luoghi hanno utilizzato fonti diverse per creare i loro manufatti: tutto ciò si potesse infilare, fosse questo un materiale trovato in natura o realizzato dall’uomo, è da sempre stato impiegato nel design dei monili.
    Ogni pezzo ha in sé un significato simbolico di protezione e talismano, ed ecco allora le conchiglie Cauri, provenienti dall’Oceano Indiano e molto rare, usate sia come moneta sia come gioiello, e considerate dei porta fortuna; il vetro, importato dall’Europa e lavorato poi in loco, ottenuto riutilizzando vecchie bottiglie, dove è il colore ad acquisire poteri magici per le varie popolazioni locali. In questo oggetto specifico, è bellissimo il modello che ne è derivato, leggermente degradante, con la parte centrale arricchita da elementi diversi, sia nella forma che nei materiali, dove spiccano i vecchi vetri, usurati e sbrecciati – e proprio per questo motivo preziosi -, le conchiglie intere, le sfere in terracotta incisa, le paste vitree e murrine coloratissime e dai disegni ineguali.
    La parte terminale è finita da un piccolo cordone attorcigliato e chiuso da una murrina di vetro come di bottone.
    Oggetto di forte impatto, è sicuramente unico nel suo genere, data la grande varietà di elementi da cui è composto, tutti con una storia ed un fascino che pochi altri gioielli possono vantare.

  • Originale Collana del Mali con perle di Vetro colorate

    300,00 
    AFC126

    Collana in perle di vetro e conchiglie montate a collare con particolare ed elaborato lavoro di infilatura.
    Nella tradizione della popolazioni nomadi e seminomadi le parure, ed in particolare le collane, erano di grande importanza. La comparsa delle perle di vetro, di provenienza europea, ha modificato l’aspetto di questi gioielli, senza incidere sul loro utilizzo. Le perle furono apprezzate per i loro colori cangianti e la leggerezza. Solitamente venivano indossate durante i riti di passaggio tra le diverse classi d’età, durante i matrimoni e le cerimonie.

  • Croce Etiopica tipica della tradizione – cultura e fede Ortodossa

    135,00 
    AFCR28

    Appartenenti alla chiesa ortodossa Etiopica, a sua volta congiunta alla chiesa ortodossa orientale, gli Etiopi da secoli professano il loro credo in maniera costante e tenace, narrando in ogni modo gli eventi ed i fatti terreni di Cristo, Maria e dei santi e di coloro che hanno reso gloriosa tale dottrina.

    Una delle espressioni più rilevanti di questa sentita arte sono appunto le croci, realizzate sia per essere indossate sia impiegate durante le celebrazioni sacre.
    Molte sono le forme, una vera e propria moltitudine di sagome e formati, ognuna con un suo peculiare significato e simbologia.
    Questa bella croce astile, dotata infatti di un manico per poter essere utilizzata nelle cerimonie, ha un’impronta latina e cristiana, derivanti dalle antiche croci proprie della seconda metà del XIII sec.

  • Gioiello Tuareg chiamato Tcherot – dal Niger

    390,00 
    AFP73

    Vecchio Pendente, contenitore Tuareg in argento chiamato Tcherot, realizzato nella forma e con le decorazioni tipiche della tradizione del Niger. Utilizzati da uomini e donne, questi pendenti racchiudono al loro interno sia versetti del corano sia formule magiche, utilizzati entrambi per scacciare gli spiriti maligni, proteggendo così chi lo indossa.

    Sul retro troviamo incise la firma dell’artigiano che lo ha creato oltre ad una croce di Agadez, simbolo protettivo e testimonianza del luogo d’origine.

  • Croce Etiope Argento

    42,00 
    AFCR26

    Ciondolo raffigurante una croce Etiope in argento intagliato.

    Le croci Etiopi prendono in genere il nome dalle città o dalle provincie dell’Altopiano, e realizzate con la tecnica della cera persa, spesso ricavate da un tallero di Maria Teresa. Possono essere di tipo Greco o Latino, mostrare influenze Celtiche o dell’alto e basso Egitto. Vengono indossate dagli Etiopi Cristiani a testimonianza della loro Fede.

  • Anello Nigeriano con Ceramica Raku

    70,00 
    AFR05A

    Anello realizzato su disegno occidentale.
    E’ in Argento e Ceramica cotta e smaltata.
    La tecnica è Raku.

  • Croce Etiope

    58,00 
    AFCR21A

    Croce etiope in lega di Argento.
    Le croci Etiopi prendono in genere il nome dalle città o dalle provincie dell’Altopiano, e realizzate con la tecnica della cera persa, spesso ricavate da un tallero di Maria Teresa. Possono essere di tipo Greco o Latino, mostrare influenze Celtiche o dell’alto e basso Egitto. Vengono indossate dagli Etiopi Cristiani a testimonianza della loro Fede.

  • Croce Etiopica tipica della tradizione – cultura e fede Ortodossa

    160,00 
    AFCR23

    Appartenenti alla chiesa ortodossa Etiopica, a sua volta congiunta alla chiesa ortodossa orientale, gli Etiopi da secoli professano il loro credo in maniera costante e tenace, narrando in ogni modo gli eventi ed i fatti terreni di Cristo, Maria e dei santi e di coloro che hanno reso gloriosa tale dottrina.

    Una delle espressioni più rilevanti di questa sentita arte sono appunto le croci, realizzate sia per essere indossate sia impiegate durante le celebrazioni sacre.
    Molte sono le forme, una vera e propria moltitudine di sagome e formati, ognuna con un suo peculiare significato e simbologia.
    Questa bella croce astile, dotata infatti di un manico per poter essere utilizzata nelle cerimonie, ha un’impronta latina dove spiccano elementi decorativi naturalistici, derivanti dalle antiche croci proprie della seconda metà del XIII sec.

  • Braccialetto Masai in perline di vetro

    75,00 
    AFB53

    Bracciale di artigianato Masai.
    E’ caratteristico per le fitte e variopinte perline di paste vitree, realizzato negli anni 70.

  • Nigeria | Collana in osso

    270,00 
    AFC76

    Collana in osso, interessante per il taglio a fette, spesse circa 1cm cadauna, leggermente degradante, dove il naturale foro centrale ha permesso la bella infilatura data da un cordone tubolare in seta pura color oro.

    Caratteristica la chiusura, realizzata utilizzando un elemento della collana stessa.

    In tutta l’Africa, dalle popolazioni del Kenya ai nomadi della parte orientale, molti oggetti di uso comune, come ad esempio le cinture, venivano realizzati utilizzando materiali di origine naturale e perciò facili da reperire ed alla portata di tutti, come appunto ossa, denti, conchiglie, gusci di uova di struzzo… Questo finché non sono apparsi nuovi prodotti quali l’alluminio, disponibile sin dall’inizio del ‘900, e le perline di vetro fabbricate in loco.
    L’osso, impiegato per manufatti quali bracciali e collane sia da donna sia uomo, in molte culture esprime anche un importante valenza simbolica: simile all’Avorio, che per il suo colore bianco rappresenta la purezza rituale, questo materiale, inteso come la struttura portante del corpo, è un aspetto dell’entità umana, emblema dell’interiorità della persona.
    Essendo le ossa la parte più duratura e resistente del corpo, sono considerate simbolo dell’essenziale, del principio e della creazione, l’incarnarsi della vita e quindi il continuo perpetrarsi della specie; nei confronti di esse, quindi, si è sempre manifestato un grande rispetto dovuto alla certezza che l’anima vi dimori. Queste credenze, che nel tempo hanno portato nella loro estensione al culto del Cranio, sono tipiche di tutti quei popoli che basano il proprio sostentamento sulla caccia.

  • Collana Africana in corno lucidato

    168,00 
    AFC71

    Collana in corno lucidato, taglio a boules leggermente irregolari (diametro 2 cm cadauna), infilata con nodi e quindi molto ben vestibile.

  • Orecchini tradizionali Fulani ‘Kwottenai Kanye’

    340,00 
    AFE41

    Eccezionali orecchini Kwottenai Kanye da collezione in bronzo, di tradizione Fulani.
    Ripresi dal modello originale realizzato in oro, questo rifacimento è fedele sia nella lavorazione sia nella forma.
    Oggetto personale femminile di grande pregio, questi orecchini nella cultura del luogo possono essere ereditati alla morte della madre o regalati dal marito, il quale per procurarseli potrebbe anche dover vendere parte delle sue mandrie. Dote che resta alla donna che li riceve, spesso sono molto pesanti e per questo costituiscono un bene facilmente monetizzabile in caso di bisogno.

    I Fulani – nome dato a questo popolo dalle genti di lingua inglese, mentre per i francesi si chiamano Peul e loro stessi si definiscono Fulde – sono una popolazione nomade dell’Africa occidentale, che vive di allevamento di bestiame e scambi commerciali; per questo è frequente trovare incise sugli orecchini delle decorazioni con motivi di animali o floreali, per indicare anche l’importanza e la ricchezza della famiglia di origine della donna che poi li indosserà.
    Realizzati dagli orafi locali, vengono creati usando una barretta d’oro a 14 carati che, riscaldata e battuta, viene trasformata in sottili lamine alle quali vengono date le forme desiderate ripiegandole in diversi modi.
    La parte in alto può essere rivestita di filo di lana rossa per salvaguardare l’orecchio, dato anche il loro peso.

    Peso 90 gr cadauno

  • Braccialetto Africano in Corno colore avorio naturale

    30,00 
    AFB41

    Grazioso braccialetto elastico realizzato con sfere regolari in Corno colore avorio naturale solamente lucidato.

  • Vecchia Collana Berbera in Ambra naturale

    2.680,00 
    AFC55

    VENDUTA – SOLD OUT – VENDIDA

    Pregiata, vecchia Collana di tradizione Berbera, proveniente dal Mali, in Ambra naturale alternata a piccoli dischi di Feltro usati per proteggere le perle dallo sfregamento che potrebbe rovinarle.

    I Berberi hanno goduto i benefici di importanti traffici commerciali con l’Europa, il Medio Oriente e l’Africa Occidentale, per questo nei loro gioielli d’Argento hanno inserito semplici pezzi di Ambra non lavorata, oltre al Corallo ed Amazzonite allo stato naturale.

    L’Ambra, molto considerata sia per il colore che per le sue proprietà curative, giungeva dal Mar Baltico ed in minor proporzione dalla costa atlantica del Marocco.
    Già anticamente si credeva curasse una grande varietà di malattie, come l’otite, la debolezza visiva, le febbri e l’isteria.
    Inoltre il suo uso veniva privilegiato come simbolo di ricchezza e protezione.
    Nelle oasi del Sud l’Ambra è componente importante della ‘pasta lunare’, una pomata grigiastra e collosa a base di acqua e muschio che si vende nei mercati in recipienti di terracotta, consigliata dal ‘Taleb’ – mago dai poteri curativi – per scopi specifici.
    Questo modello di collana è offerto dagli uomini Berberi alla loro sposa il giorno del matrimonio: il gioiello verrà portato dalle donne durante feste e cerimonie e verrà aggiunto alla dote della sposa nell’ambito dello scambio matrimoniale.

    I dischi centrali di questa collana hanno diametro indicativo di 3 cm

  • Ornamento Africano con vecchie Terrecotte Mauritane

    45,00 
    AFP41

    Pendente realizzato con vecchie terracotte mauritane.
    Sono decorate con tradizionali motivi geometrici e arricchite con dettagli in argento e vetro marocchino.
    E’ completo di laccio in cuoio regolabile.

  • Vecchia Croce Etiope Argento intagliato

    135,00 
    AFCR14

    Croce Etiope in Argento intagliato, con snodo nella parte superiore.
    Simbolo di fede per oltre 1600 anni, gli Etiopi Cristiani la indossavano come testimonianza del loro credo.
    Le croci Etiopi, che generalmente prendono il nome da città e provincie dell’altopiano, vengono fuse con il metodo della cera persa. Possono essere di tipo Greco o Latino o subire l’influenza di quelle Egiziane: più si aveva disponbilità di Argento, più i disegni si intrecciavano, simboleggiando l’eternità.

  • Gioielli Etnici in Argento

    475,00 
    AFB11

    Pregevole Bracciale in Argento.
    L’eleganza dei disegni rivelano la maestria degli artigiani orafi del Marocco nel campo della niellatura e cesellatura.
    La fascia è spessa, e rende massiccio il gioiello.

  • Pendente Nigeriano con Ceramica Raku

    85,00 
    AFP06

    Pendente realizzato su disegno occidentale.
    E’ in Argento e Ceramica cotta e smaltata, secondo la tecnica Raku.
    Sul retro la sigla/firma dell’argentiere.
    E’ abbinato e fornito con laccio in seta laotiana.

  • Vecchia Croce Etiope di Welega – in Argento

    190,00 
    AFCR08

    Vecchia Croce di Welega.
    E’ una delle provincie Etiopi più occidentali.
    E’ fatta di argento intagliato ed inciso.

  • Vecchia Collana Africana con boules di argento ‘Berr Koisse’

    1.800,00 
    AFC11

    Bellissima e importante vecchia Collana tipica della regione di WeloCorno d’Africa – formata da grosse sfere d’Argento decorate Berr Koisse.
    Solitamente si indossano due sole sfere che fungono da parte centrale in una semplice collana di perline di vetro.

    Ricercata e preziosa è dunque questa collana interamente composta da sole boules in argento.

  • Parure Fulani o Peul | Collana e Orecchini

    130,00 
    AFC03

    Originale Parure gioiello vintage.
    Riprende i più tradizionali modelli indossati dalle donne Fulani o Peul.
    Solitamente la lamina è in oro, viene scaldata ed in seguito battuta martellandola, dando vita a forme a voluta, decorate poi a piacere dagli artigiani con motivi floreali o animali.

    Gli orecchini sono alti 6 cm.

  • Collana colorata provenienza Africana

    80,00 
    AFC01

    Collana con semi di tagua e pietre naturali assortite e con tagli diversi – Corallo rosso e rosa, Corniola, Lava, Quarzi, Crisocolla verde ed azzurra

  • Braccialetto colorato provenienza Africana

    40,00 
    AFB07

    Bel Braccialetto colorato con semi di tagua, Corallo rosso e rosa, Lava, Quarzi e Crisocolla azzurra.

  • Vecchia Croce Etiope Argento

    130,00 
    ATG07

    Vecchia croce Etiope in argento.
    Le croci Etiopi prendono in genere il nome dalle città o dalle provincie dell’altopiano, e sono realizzate con la tecnica della cera persa, spesso ricavate dai talleri di Maria Teresa. Possono essere di tipo Greco o Latino, mostrare influenze Celtiche o dell’alto e basso Egitto. Vengono indossate dagli Etiopi Cristiani a testimonianza della loro Fede.

  • Croce di Ingall | Città oasi Tuareg passaggio per il deserto del Sahara

    89,80 
    TG3

    Ingall è una città oasi Tuareg, considerata un passaggio obbligato per il deserto del Sahara.
    Il pendente è qui proposto con la sua collana originale in perline di pasta vitrea nera e distanziali d’argento, lunghezza cm 46.