Oggetti - Idee Regalo

SHOP ethnos – seleziona i filtri per collezione, e/o provenienza, materiali, colori, prezzi, novità e trova i gioielli o manufatti più rapidamente

Showing 1–60 of 79 results

  • Maschera Etnica Tibet

    50,00 
    AYH101

    Maschera etnica Tibet – tipica maschera tibetana in legno dipinto raffigurante un satiro.
    Queste maschere vengono utilizzate durante le cerimonie Buddiste per divertire i bambini come intervallo tra un rito e l’altro.
    Sul retro, il residuo di ceralacca del sigillo doganale che ne testimonia l’autentica provenienza tibetana.
    Nella scheda prodotto altre informazioni utili.

    immagini Cham dance
    artigianato tibetano e nepalese su ethnos

    Original Mask Cham dance by ethnica

  • Budda Tibetano

    110,00 
    AYH100

    Budda tibetano, Sakyamuni Buddha.
    Si tratta di autentica, originale e unica affascinante piccola statua in legno dipinto.
    Nella scheda prodotto altre informazioni utili.
    Si ritiene che Gautam Buddha abbia avuto 550 incarnazioni. Molti Buddha precedenti e altri Buddha che dovevano ancora venire sono conosciuti sempre come Buddha. Per distinguerlo da tutti gli altri Buddha, è stato chiamato Sakyamuni (Il leone del clan Sakya), figlio del re Suddhodana e della regina Mayadevi. Nacque il 563 a.C. a Lumbini, nella parte occidentale del Nepal. Aveva raggiunto ‘Bodhi’ -conoscenza o risveglio spirituale- dopo 6 anni di digiuno e meditazione e poi fu chiamato ‘Buddha’ perché era ‘l’illuminato’. Morì all’età di 80 anni a Kusinagara.
    Budda su ethnos  –  Buddha

  • Maschera tigre Tibet

    55,00 
    AYH99

    Maschera tigre Tibet – tipica maschera tibetana in legno dipinto raffigurante una tigre.
    Queste maschere vengono utilizzate durante le cerimonie Buddiste per divertire i bambini come intervallo tra un rito e l’altro.
    Sul retro, il residuo di ceralacca del sigillo doganale che ne testimonia l’autentica provenienza tibetana.
    Nella scheda prodotto altre informazioni utili.
    immagini Cham dance
    artigianato tibetano e nepalese su ethnos

    Original Mask Cham dance by ethnica

  • Artigianato Etnico Pietra

    800,00 
    AYH98

    Artigianato etnico pietra, stupenda Scultura a forma di iguana, in pietra naturale di Mohawkite – provenienza Tibet.
    La storia dell’arte dell’intaglio delle pietre dure in Cina è lunga e ricca tanto quanto la storia di quella plurimillenaria civiltà.
    Indicutibile è la loro abilità nel trattare le pietre da sempre, nell’eleganza delle forme e negli straordinari dettagli incisi sulla superficie.
    Queste caratteristiche sono ancora presenti in questo pezzo unico che proponiamo, realizzato da abile scultore locale.
    Diciamo ancora poichè è noto come il settore dell’artigianato etnico pietra sta purtroppo sempre più perdendo queste professionalità e manualità, sostituite per fini commerciali da copie fatte a stampo e magari utilizzando materiali altrettanto quasi finti: fenomeno che non investe unicamente la Cina, ma tutto il mondo e che comunque produce oggetti impersonali.
    Nella scheda prodotto altre informazioni utili.
    Oggetto anche da collezione
    oggetti e idee regalo su ethnos

  • Giade di Hongshan a sembianze antropomorfe

    145,00 
    AYH97

    Originale oggetto da collezione amuleto in giada naturale, intagliato a mano, a forma di animale mitologico.
    Questa piccola statua è la riproduzione delle più famose giade di Hongshan.
    Originari della cultura neolitica Hongshan, sviluppatasi in Cina -in quella regione che ora viene definita come Manciuria- tra il 4700 ed il 2900 a.C., sono i primi reperti realizzati a mano in giada, pietra dalla straordinaria storia per questa antichissima cultura, definita da sempre ‘la pietra più bella’ (dal primo dizionario cinese pubblicato intorno al 100 d.C.), considerata sinonimo di ricchezza e potere, ed alla quale vennero attribuiti poteri rituali.
    Era in grado di contrastare la decomposizione del defunto, e per questo inserita anche nei corredi funerari, impedendo la dispersione di una delle due anime,nella quale esistenza credevano gli antichi cinesi.
    Le figure riprodotte erano legate al mondo circostante, per questo tante di esse raffigurano animali quali tartarughe, rane, uccelli rapaci, tigri, a significare l’origine tratta da una società di agricoltori ed allevatori: tra queste,la più significativa ed evocativa è quella che gli studiosi chiamano Zhulong, drago-maiale o maiale-drago, animale composito dal corpo di serpente avvolto su se stesso e testa di maiale, che dimora tra le nuvole e passa il suo sonno nelle profondità della terra.
    Il drago, essere mitologico, è emblema di fertilità e potere, rappresentazione dell’Imperatore e divenuto in seguito il simbolo della Cina stessa.
    In questa forma, quasi fetale, è quindi naturale associarlo al culto della fertilità, ed alla forma originaria dalla quale poi si è sviluppato il drago delle leggende tradizionali cinesi. Tali oggetti pare avessero principalmente un valore ed uso ornamentale e propiziatorio.

  • Tessuti etnici di pregio

    180,00 
    ALS205

    Stupenda Stola realizzata con pregiata seta cangiante nel colore.
    Il tessuto presenta un taglio irregolare, con larghezza di ∼ 30 cm nella parte centrale e ∼ 50 cm alle due estremità.
    E’ cucito manualmente con un effetto estetico a strisce che terminano con plissettatura alle due estremità, evidenziato dalle cuciture a vista in colore.
    Data la qualità del materiale e del taglio, può essere indossato sia come elegante accessorio moda, sia utilizzato come tessuto d’arredo tipo centro tavola o altro.

  • Giade di Hongshan a sembianze antropomorfe

    125,00 
    AYH96

    Originale oggetto amuleto da collezione in giada brown naturale, intagliato a mano.
    Questa piccola statua è la riproduzione delle più famose giade di Hongshan, a sembianze antropomorfe.
    Originari della cultura neolitica Hongshan, sviluppatasi in Cina -in quella regione che ora viene definita come Manciuria- tra il 4700 ed il 2900 a.C., sono i primi reperti realizzati a mano in giada, pietra dalla straordinaria storia per questa antichissima cultura, definita da sempre ‘la pietra più bella’ (dal primo dizionario cinese pubblicato intorno al 100 d.C.), considerata sinonimo di ricchezza e potere, ed alla quale vennero attribuiti poteri rituali.
    Era in grado di contrastare la decomposizione del defunto, e per questo inserita anche nei corredi funerari, impedendo la dispersione di una delle due anime,nella quale esistenza credevano gli antichi cinesi.
    Le figure riprodotte erano legate al mondo circostante, per questo tante di esse raffigurano animali quali tartarughe,rane, uccelli rapaci, tigri, a significare l’origine tratta da una società di agricoltori ed allevatori: tra queste,la più significativa ed evocativa è quella che gli studiosi chiamano Zhulong, drago-maiale o maiale-drago, animale composito dal corpo di serpente avvolto su se stesso e testa di maiale, che dimora tra le nuvole e passa il suo sonno nelle profondità della terra.
    Il drago, essere mitologico, è emblema di fertilità e potere, rappresentazione dell’Imperatore e divenuto in seguito il simbolo della Cina stessa.
    In questa forma, quasi fetale, è quindi naturale associarlo al culto della fertilità, ed alla forma originaria dalla quale poi si è sviluppato il drago delle leggende tradizionali cinesi.
    Tali oggetti pare avessero principalmente un valore ed uso ornamentale e propiziatorio.

  • Mulino o Ruota di Preghiera – Tibet

    95,00 
    AYH95

    Mulino Tibetano da preghiera o Ruota di preghiera.
    E’ formato da un cilindro in ottone e rame innestato su un manico di legno e chiuso poi in alto da un coperchio a punta. Il cilindro, che ruota sul perno centrale, è interamente decorato e inciso con simboli buddisti e con il mantra Om Mani Padme Hum.
    Il cilindro, apribile, contiene il rotolo delle preghiere, strettamente avvolto su se stesso.
    Il credente fa girare il mulino della preghiere e mentre compie questa azione la preghiera deve essere continuamente ripetuta. Questa pratica deriva dalla ‘Ruota della Dottrina’ che il Buddha ha messo in movimento dopo aver ricevuto l’Illuminazione.
    GLI OTTO SIMBOLI BUDDISTI

  • Artigianato Etnico Tibetano – Ruota di Preghiera

    125,00 
    AYH94

    Vecchio Mulino Tibetano da preghiera o Ruota di preghiera.
    E’ formato da un cilindro innestato su un manico e chiuso poi in alto da un coperchio a punta. Il cilindro, che ruota sul perno centrale, è interamente decorato e inciso con simboli buddisti e con il mantra Om Mani Padme Hum.
    Il cilindro, apribile, contiene il rotolo delle preghiere, strettamente avvolto su se stesso.
    Il credente fa girare il mulino della preghiere e mentre compie questa azione la preghiera deve essere continuamente ripetuta. Questa pratica deriva dalla ‘Ruota della Dottrina’ che il Buddha ha messo in movimento dopo aver ricevuto l’Illuminazione.
    GLI OTTO SIMBOLI BUDDISTI

  • Ruota di Preghiera – Tibet

    90,00 
    AYH93

    Mulino Tibetano da preghiera o Ruota di preghiera.
    E’ formato da un cilindro centrale innestato su un manico e chiuso poi in alto da un coperchio a punta, decorati con paste di pietra. Il cilindro, che ruota sul perno centrale, è in osso con inciso il mantra Om Mani Padme Hum.
    Il cilindro, apribile, contiene il rotolo delle preghiere, strettamente avvolto su se stesso.
    Il credente fa girare il mulino della preghiere e mentre compie questa azione la preghiera deve essere continuamente ripetuta. Questa pratica deriva dalla ‘Ruota della Dottrina’ che il Buddha ha messo in movimento dopo aver ricevuto l’Illuminazione.

  • Artigianato Etnico Tibetano – Ganesh

    44,50 
    AYH91

    Piccola statuetta in bronzo che riproduce Ganesh, Divinità figlia di Shiva e Parvati – si presenta con ventre evidente, testa di elefante e quattro braccia.

    ALTRI GANESH

  • Dromedario Turchese provenienza Afghanistan

    680,00 
    AYH89

    Dromedario scolpito in unico pezzo di turchese naturale.
    L’opera è di un artigiano afghano fine anni 90.
    Bellissimo il turchese utilizzato con le sue venature dendritiche brune, che unito all’abilità di realizzazione nel modellare e scolpire l’oggetto senza strafare, rendono questo dromedario realistico ed in unico esemplare.
    Oggetto da collezionista

  • Gioiello Lapislazzuli Afghanistan

    55,00 
    AYP728

    Pesciolino scolpito in bellissimo lapislazzuli naturale.
    E’ inciso con forma tridimensionale e finito con semplice gancetto in argento.

  • Gioiello Lapislazzuli Afghanistan

    55,00 
    AYP727

    Pesciolino scolpito in bellissimo lapislazzuli naturale.
    E’ inciso con forma tridimensionale e finito con semplice gancetto in argento.

  • Maschera teatro Noh Giapponese – Onna

    23,00 
    AYH88

    Il Nō è una forma di teatro giapponese, che si distingue per l’utilizzo di particolari maschere.
    ONNA – MASUJYOappartiene alla categoria delle maschere femminili, che rappresentano la donna nelle diverse età della vita, dalla gioventù sino all’età avanzata; le molteplici espressioni del viso ne caratterizzano il significato mostrando i differenti stati d’animo.

  • Maschera Teatro Noh Giapponese – Okina

    23,00 
    AYH87

    Il Nō è una forma di teatro giapponese, che si distingue per l’utilizzo di particolari maschere.
    OKINAcategorie di maschere che raffigurano gli uomini anziani e venerabili. Si presentano con le rughe pronunciate in fronte e sono considerate maschere raffinate ed eleganti; la barba lunga è simbolo di longevità, mentre la dolcezza e la beatitudine del sorriso inducono alla pace e all’abbondanza, alla prosperità e alla lunga vita per le giovani generazioni.

  • Maschera Teatro Noh Giapponese – Hannya

    16,50 
    AYH86

    Il Nō è una forma di teatro giapponese, che si distingue per l’utilizzo di particolari maschere.
    HANNYAMaschera tipica della tradizione giapponese del teatro Nō, rappresenta la gelosia femminile, distruttiva e autodistruttiva. Hannya era una donna molto bella, elegante nei modi e con incantevoli occhi, ma la gelosia nei confronti del suo amato la portò a barattare con uno spirito dell’acqua il suo bel viso con uno orribile, in cambio dell’immortalità.

  • Maschera Teatro Noh Giapponese – Tengu

    23,00 
    AYH85

    Il Nō è una forma di teatro giapponese, che si distingue per l’utilizzo di particolari maschere.
    TENGUmaschera tra le più popolari della tradizione giapponese: i tengu vivono nelle foreste, hanno sembianze di uomini-uccello, solitamente di colore rosso, con un grande e lungo naso. Comunemente sono considerati maestri saggi ai quali si deve rispetto, questo perché ogni loro azione è mossa da un buon proposito. I tengu sono anche fortemente avversi a tutte le forme di arroganza e di pregiudizio, particolarità che si concretizza nel loro naso; per i buddisti, sono considerati protettori del Dharma.

  • Piccolo Budda pensante e sorridente

    13,00 
    AYH14

    Grazioso Buddache pensa‘ o ‘sorridente‘ in oxolite.

    Si prega indicare la versione desiderata nel paragrafo NOTA al momento dell’acquisto.

  • Aquila Lapislazzuli provenienza Afghanistan

    750,00 
    AYH84

    Stupenda Aquila scolpita in unico pezzo di lapislazzuli, opera di artigiano afghano fine anni 90.
    Le sue proporzionate dimensioni e la presenza di una venatura bianca quasi marmorea (tipica presenza nel vero lapislazzuli) unite all’abilità di realizzazione nel modellare e scolpire l’oggetto senza strafare, rendono quest’aquila estremamente realistica e affascinante, evocativa di questo paese martoriato che trova da sempre nell’utilizzo del lapislazzuli ispirazione al suo artigianato ed arte.
    Oggetto da collezionista.

  • Ganesh Giada

    105,00 
    AYH75

    Statuetta artigianale in giada scolpita raffigurante Ganesh, il dio dalla testa di elefante portatore di saggezza e successo, che dona la capacità di rimuovere ogni ostacolo.
    Figlio di Shiva, dona fama e affermazione nel lavoro, e di conseguenza anche guadagno materiale.
    Venerato e molto amato da induisti e buddisti, è il dio della buona sorte e signore della speranza, della sapienza, ed emblema di intelligenza e perspicacia.
    Collegato al primo chakra, favorisce e protegge lo spirito di sopravvivenza e conservazione, la procreazione ed il benessere materiale.
    ALTRI GANESH

  • Ohm o Om – Sillaba Mantrica Tibetana

    20,00 
    AYH74

    Ohm o Om da appendere.
    Sillaba mantrica tibetana, si pronuncia nel momento in cui l’Assoluto diventa parte dell’anima umana, qui è rappresentato come oggetto.

    ALTRI OHM

  • Maschera Tibetana raffigurante un satiro

    50,00 
    AYH73

    Tipica Maschera tibetana in legno dipinto raffigurante un satiro.
    Queste maschere vengono utilizzate durante le cerimonie Buddiste per divertire i bambini come intervallo tra un rito e l’altro.
    Sul retro, il residuo di ceralacca del sigillo doganale che ne testimonia l’autentica provenienza tibetana.

  • Maschera Legno dipinto – rappresenta Garuda

    108,00 
    AYH72

    Maschera in legno dipinto che rappresenta Garuda, l’uomo uccello e cavalcatura di Vishnu, spesso trovato inginocchiato davanti ai suoi templi o come guardiano della grotta sul monte sacro al Dio.
    E’ rappresentato con sembianze umane, eccetto per le grandi ali spiegate alle sue spalle. Talvolta, come in questo caso, è raffigurato con la testa di uccello, in particolare di un rapace. E’ considerato il sacro progenitore della stirpe degli uccelli, visto anche come il messaggero tra gli uomini e gli dei.
    Sul retro, il residuo di ceralacca del sigillo doganale che ne testimonia l’autentica provenienza tibetana.

  • Tibet | Maschera Mahakala Legno colorato

    160,00 
    AYH71

    Maschera raffigurante Mahakala, il Grande Nero.
    Divinità guardiana del dharma e corrispondente a Shiva per gli Induisti, in Tibetano è chiamato Nagpo Chenpo o Gonpo, ‘Signore, Protettore’.
    Solitamente di colore nero, può essere anche colorata riprendendo la tradizione locale: elemento costante sono però i cinque teschi che adornano la sua corona, metafora dei dolori dell’uomo che si trasfigurano nei cinque Dhyani Buddha.
    Intagliata in legno, i dettagli del viso sono molto ben delineati; sul retro, il residuo di ceralacca del sigillo doganale che ne testimonia l’autentica provenienza tibetana.

  • Artigianato Tibet | Cimbali Buddhisti Bronzo

    40,00 
    AYH66

    Cimbali Buddisti in bronzo con motivo decorativo ‘otto simboli di buon auspicio’.
    I cimbali, insieme agli strumenti a fiato, vengono suonati in riti specifici, ed a seconda del tipo di lega e spessore il loro suono può risultare molto diverso. I più piccoli di diametro – che creano un suono più delicato – vengono utilizzati in cerimonie indirizzate a divinità pacate, mentre quelli di dimensione maggiore con un timbro più accentuato, sono percossi durante riti destinati a calmare gli dei adirati.
    Le differenti vibrazioni emesse da questi semplici strumenti aiutano a raggiungere determinati stadi mentali durante la meditazione e le preghiere recitate dai monaci.

  • Arte Tibetana contemporanea – Statuine

    79,00  -20%
    AYH68

    Graziosa coppia di piccole statue in resina che riproducono, con grande maestria e ricchezza di particolari, nei loro abiti tradizionali, una coppia di dignitari.
    Nell’arte contemporanea tibetana, la resina è un materiale utilizzato e lavorato con stampi, ma poi rifinito manualmente per migliorare la cura nei dettagli e valorizzarne l’aspetto spirituale che sempre contengono.

  • Gao o Ga’u – Scatola-Amuleto tipico Artigianato Buddista Himalayano

    100,00 
    AYH67

    Originale Gao, o Ga’u, scatola-amuleto tipica di tutto l’artigianato Buddista Himalayano.
    Considerati dei piccoli santuari portatili, sono composti da tre elementi:
    – un contenitore in metallo, che può essere oro, argento o altro, dalla forma e dimensioni più diverse, con una piccola finestra sul davanti che permette di vederne il contenuto. Tale scatola è solitamente molto decorata e cesellata con gli otto simboli di buon auspicio Buddisti:
    – una parte in tessuto che ricopre e riveste interamente la scatola con una patella sul davanti che ne permette l’apertura
    – il contenuto del Gao, che può variare da un’immagine sacra, reliquie, piccole pergamene con mantra, medicine benedette e tutto ciò che possa essere speciale e sacro.
    Nello specifico, questo Gao è in lega di argento nella parte superiore ed in rame la scatola vera e propria al centro, una piccola effige di Kharachheri, considerato il Budda delle sei sillabe ‘om mani padme um’ molto potente ed efficace e per questo costantemente pregato.
    Misura tracolla 85 cm

  • Statuetta Amitabha – Buddha più antico tra i Dhyani Buddha

    100,00 
    AYH63

    Statuetta in rame di Amitabha, il Buddha più antico tra i Dhyani Buddha.
    Di colore rossocome nella tradizione tibetana e mongola – che gli deriva dalla Sillaba Hrih, è spesso rappresentato nella posizione del diamante.
    Suo veicolo è il pavone, ed il loto il suo simbolo, le sue mani sono del Dhyanimudra. Se rappresentato sugli stupa, la sua direzione è l’ovest.
    Buddha molto venerato, a lui si rivolgono tutti coloro che vogliono raggiungere la salvezza.
    Il suo nome significa ‘Luce senza limiti’

  • Tibet | Statuetta in bronzo della Tara Verde

    95,00 
    AYH61

    Statuina in bronzo che ritrae la Tara Verde, o Dölma nella lingua tibetana.

    La Tara verde, considerata la sposa spirituale di Amoghsiddhi, è molto simile alla Tara Bianca ed è per questo considerata sua pari.
    Ella personifica l’aspetto femminile della sollecitudine e dell’attività, incarnando lo spirito della donna buona.
    Nella mano sinistra tiene un fiore di loto semi aperto.
    Storicamente era collegata alle principesse Cinesi e Nepalesi le quali sposarono il re Srang Tsan e vennero considerate come coloro che per prime introdussero il Buddismo in Tibet e Cina.
    E’ adorata perché porta in sé tutte le donne buone ed è considerata ‘Colei che salva’.

    Peso 207 gr

  • Statuetta raffigurante Shiva

    60,00 
    AYH62

    Statuetta in bronzo raffigurante Shiva, una delle principali Divinità Indù.
    Visto come colui che distrugge e crea, può manifestarsi in tre forme: Natraj, o Nataraja, dio della danza e dell’estasi cosmica, la forma antropomorfa come viene raffigurato e come Lingam, o Linga, oggetto di adorazione con simbologia fallica legata al dio.
    Veicolo di Shiva è Nandi, il toro divino che accompagna il suo signore in ogni spostamento ed è presente in tutte le sue manifestazioni.
    Quando Shiva è nella sua forma umana è raffigurato con la sua sposa Parvati, e tra le mani tiene un tridente ed un piccolo tamburo.
    In una forma popolare Shiva puà essere considerato il terribile, l’essere distruttore.

  • La testa del Buddha scolpita Pietra Lapislazzuli

    280,00 
    AYH64

    Deliziosa piccola scultura in lapislazzuli.
    E’ completamente incisa e realizzata a mano e riproduce la testa del Buddha.
    I tratti del viso riprendono i lineamenti con cui il Buddha viene raffigurato nell’iconografia tradizionale.
    La base ha il bordo rivestito con una lamina di argento.
    Oggetto da collezione, anche perchè unico

  • La testa del Buddha scolpita Pietra Malalachite

    320,00 
    AYH65

    Deliziosa piccola scultura in malachite.
    E’ completamente incisa e realizzata a mano e riproduce la testa del Buddha.
    I tratti del viso riprendono i lineamenti con cui il Buddha viene raffigurato nell’iconografia tradizionale. Molto belle le venature naturali della pietra che formano un simmetrico disegno.
    La base ha il bordo rivestito con una lamina di argento.
    Oggetto da collezione, anche perchè unico

  • Afghanistan | Bastone da passeggio figura zoomorfa

    175,00  -30%
    AYH60

    Bastone da passeggio smontabile realizzato in lega di argento e metalli bianchi, completamente decorato a sbalzo con eleganti motivi floreali lungo tutta l’asta.
    Il manico a stampella è anch’esso decorato e riporta una testa d’animale in punta.

  • Nepal | Statuetta Quarzo Ganesha – figlio di Shiva

    62,00 
    AYH59

    Incantevole piccola Statuetta completamente scolpita in un unico blocco di trasparentissimo Quarzo Ialino e raffigurante Ganesh o Ganesha, il dio dalla testa di elefante portatore di saggezza e successo, che dona la capacità di rimuovere ogni ostacolo.
    Figlio di Shiva, dona fama e affermazione nel lavoro, e di conseguenza anche guadagno materiale.
    Venerato e molto amato da induisti e buddisti, è il dio della buona sorte e signore della speranza, della sapienza, ed emblema di intelligenza e perspicacia.
    Collegato al primo chakra, favorisce e protegge lo spirito di sopravvivenza e conservazione, la procreazione ed il benessere materiale.
    Il quarzo ialino, o cristallo di rocca, è sicuramente la varietà di quarzo più conosciuta.
    Collegato al settimo chakra, sahasrara o della corona, dona la capacità di affinare il pensiero, rendendo possibile l’acquisizione di ciò che ci circonda; crea misticamente il contatto con il divino e a livello personale aiuta la realizzazione dei propri obiettivi.

  • Cina – Guizhou | Maschera Opera Dixi

    500,00 
    AYH57

    Straordinaria Maschera dell’Opera Dixi, una delle rappresentazioni popolari più antiche al mondo risalente al 1362, anno del primo spettacolo durante la dinastia Ming. Originaria del Guizhou, regione del sud-ovest della Cina, è tipica delle città di Tunbu o Tunpo e Anshun, dove tutt’oggi ancora hanno luogo.
    Chiamata anche danza di divinità, tali rappresentazioni si svolgono in luoghi aperti quali la piazza del paese o spazi liberi, alle quali la popolazione può partecipare. Gli attori, che sono i contadini locali, possono variare di numero da un minimo di 40 sino ad un centinaio, ognuno con un proprio ruolo preciso. Indossando colorate maschere in legno intagliato, essi impersonano i vari protagonisti, accompagnati dal suono di tamburi e gong che scandiscono il tempo e quindi il ritmo dell’opera.
    In origine, le Opere Dixi erano delle cerimonie sacrificali eseguite dai soldati per intrattenere ed ingraziare gli dei chiedendo la loro benedizione per future vittorie in battaglia. In seguito i temi preferiti furono cronache di battaglie, storie delle dinastie Sui e Tang, il Romanzo dei Tre Regni.
    Le rappresentazioni si svolgevano due volte l’anno, alla festa di primavera ed a metà Luglio, durante il raccolto, con lo scopo di allontanare la sfortuna ed aumentare prosperità e ricchezza.
    Ricavate da legno di pioppo e dalla pianta dei chiodi di garofano, le maschere hanno colori brillanti quali rosso, bianco, blu, verde, giallo, nero. Ad ogni colore corrisponde un preciso stato d’animo e personaggio, così come sono importanti le decorazioni riportate: questa maschera in particolare, con otto coppie di draghi, rappresenta un generale di alto rango.
    Sul retro si trovano le firma e la data, 2009, in cui l’artista l’ha realizzata.

  • Tibet | Maschera tradizionale Legno

    180,00 
    AYH55

    Dal Tibet, originale maschera in legno vecchio intagliato a mano e raffigurante un teschio.
    Nella tradizione Tibetana il teschio, così come lo scheletro, è sempre stato presente nei riti e nelle cerimonie Cham eseguite sia dai monaci Buddisti sia dagli appartenenti all’antico culto Bon, l’originaria religione del Tibet.
    Tali figure sono chiamate Durdag, i Signori dei Cimiteri, e rappresentano l’evoluzione della mente verso la pura consapevolezza.
    Essi sono anche i protettori non solo dei luoghi di cremazione, ma anche di tutte le entità custodi della religione.
    Per saperne di più sulla simbologia del teschio

  • Tibet | Maschera Mahakala legno e metalli

    150,00 
    AYH54A

    Intensa Maschera raffigurante Mahakala, il Grande Nero.
    Divinità guardiana del dharma e corrispondente a Shiva per gli Induisti, in Tibetano è chiamato Nagpo Chenpo o Gonpo, ‘Signore, Protettore’.
    Solitamente di colore nero, può essere come in questo caso anche rosso: elemento costante sono però i cinque teschi che adornano la sua corona, metafora dei dolori dell’uomo che si trasfigurano nei cinque Dhyani Buddha.
    Intagliata in vecchio legno, i dettagli del viso sono realizzati con tre diversi metalli: rame, bronzo e lega d’argento. Questo perché l’unione di più materiali aumenta il potere potere protettivo e di difesa.
    Sul retro, il residuo di ceralacca del sigillo doganale che ne testimonia l’autentica provenienza tibetana.

  • India | Stampo Legno tradizionale

    25,00 
    AYH52

    Formina in legno intagliato utilizzata per la stampa dei tessuti, e non solo.
    La si trova in molti paesi ma la sua applicazione più magistrale è in India.
    Questa tecnica chiamata comunemente block printing, tecnicamente detta xilografia, è molto antica e presente in tutto il mondo antico, ed in particolare in regioni quali Rajasthan già dal XII sec. d.C. I soggetti scolpiti posso essere i più diversi, da forma molto semplici a veri e propri capolavori dove spiccano animali, uccelli, fiori, tralci e riproduzioni di figure femminili. Spesso tali motivi prendono spunto da ciò che ci circonda, come in questo caso: sulla tavoletta troviamo infatti intarsiato il frutto dell’anice stellato, spezia dalla forma tipica ed ampiamente utilizzata in molte pietanze tradizionali indiane ed asiatiche.

  • Artigianato prezioso Tibet | Kartika rituale Buddista

    680,00 
    AYH49

    Oggetto rituale Buddista chiamato Kartika.
    Nella tradizione religiosa rappresenta l’arma a forma di mannaia che, tenuta in mano da Mahakala, il Grande Nero, divinità-protettore del Dharma e corrispondente per gli induisti a Shiva, taglia tutti i legami materiali di questo mondo.
    Simbolo di vittoria, trasforma in energia positiva la sostanza di ciò che è stato vinto, per questo, e da questo, veniva utilizzata per smembrare i cadaveri delle sepolture all’aperto un tempo comuni in Tibet. L’impugnatura è sempre formata da un mezzo Dorje.
    Questa straordinaria Kartika è particolarmente bella, realizzata a mano con argento, dettagli in vermeil e rivestita con tessere in turchese naturale, così come sono in turchese e corallo rosso le pietre incastonate sulle parte superiore del Dorje. Manufatto dalla grande forza rappresentativa, oltre che obiettivamente bello, può essere sicuramente utilizzato in cerimonie e riti sacri, così come apprezzato anche da chi non segue gli insegnamenti buddisti.

  • Artigianato prezioso Tibetano | Statua raffigurante Bhairav

    850,00 
    AYH51

    Sorprendente piccola Statua in osso intagliato a mano raffigurante Bhairav, una delle manifestazioni di Shiva legata alla distruzione.
    Sacro per indù e buddisti, è conosciuto sia in India – soprattutto in Rajasthan e nel Tamil Nadu – sia in Nepal e Tibet.

    Bhairav è la forma più terribile di Shiva, uno dei maggiori dei indù, ed egli stesso può rivelarsi in forme diverse. Rappresentato nudo, di colore blu scuro o nero ma nelle pitture rituali bianco, Bhairav è adornato da serpenti intrecciati che gli si avvolgono come collana, bracciali, cavigliere ed orecchini. Indossa una pelle di tigre e può avere una veste rituale in ossa umane. I suoi occhi sono roteanti, ha spesso molte braccia ma solo una testa, sulla quale porta una corona con cinque teschi. A lui vengono rivolte le prime preghiere del mattino, subito dopo l’alba, e nella religione tantrica è l’espressione dello slancio mistico, l’impeto, la collera che si unisce al compimento.
    Oggetto molto ricercato e di grande pregio, assolutamente da collezione, è frutto della bravura dell’artigiano che lo ha realizzato, abile nel riprodurre nei più piccoli dettagli una delle figure con l’iconografia più vasta, assai amato e venerato e quindi abbondantemente rappresentato ma non sempre così egregiamente.

  • Artigianato Tibet | Campana Tibetana

    100,00 
    AYH50

    Graziosa Campana Tibetana completamente realizzata a mano in lega di cinque metalli.

    È dotata di un batacchio per poterla suonare.

    Sono disponibili anche nelle seguenti misure e pesi – diametro 18 x altezza 7,5 cm peso 800 gr  €130,00 – diametro 26 x altezza 10,5 cm peso 1600 gr  €260,00 -. Per acquisto chiedere informazioni telefoniche o con mail e daremo risposta in merito.

    CAMPANE TIBETANE

  • Artigianato orafo Nepal | Scatoletta simboli Buddisti

    110,00 
    AYH48

    Dal Nepal la Scatolina in argento completamente decorata con incisioni, tra le quali spicca il Fiore di Loto sul coperchio. Tutt’attorno i Simboli Buddisti di buon auspicio.
    IL LOTO – PADMA, è la più alta visione di Purezza e Bellezza: lo stelo del Loto si erge infatti da acque di stagni e laghi per lo più fangosi per far sbocciare il fiore incontaminato, incontaminabile, immacolato e perfetto sopra la superficie dell’acqua, unica pianta che grazie alla forza del suo fusto fa sbocciare un fiore con un numero di petali sempre regolare, da otto a dodici tutti uguali. Nella loro simmetria i petali rappresentano l’armonia del Cosmo, otto come gli otto raggi della ruota del Dharma. Il fango rappresenta la sofferenza e tutto ciò che trattiene il nostro essere dall’acquisire quella chiara visione che grazie alla pratica della Dottrina, lo stelo, ci permetterà di elevarci sopra tutte le contaminazioni del mondo. Il Loto è simbolo anche della purezza del corpo, della parola e della mente: è la vera essenza del nostro essere che è rimasta immacolata nonostante il fango del mondo che si realizza solo alla luce della nostra consapevolezza. Il fiore di Loto è il trono del Buddha e cioè dell Amore Compassionevole di cui il Dalai Lama, chiamato anche Signore del Loto Bianco, è l’incarnazione.
    GLI OTTO SIMBOLI BUDDISTI

  • Tibet | Statuetta in bronzo di Samantabhadra

    75,00 
    AYH45

    Graziosa statuetta raffigurante Samantabhadra, in tibetano Kun-Tu, che nel buddismo simboleggia il Bodhisattva della verità. Nella tradizione tantrica è considerato il Buddha originario, viene rappresentato sempre nudo, senza abiti e gioielli, abbracciato alla sua sposa Samantabhadri.

    Peso 80 grammi

  • Tibet | Statuetta Rame Ganesh – Il Dio Testa di elefante

    65,00 
    AYH46

    Bella statuetta realizzata artigianalmente in maniera estremamente dettagliata raffigurante Ganesh, il dio dalla testa di elefante portatore di saggezza e successo, che dona la capacità di rimuovere ogni ostacolo. Figlio di Shiva, dona fama e affermazione nel lavoro, e di conseguenza anche guadagno materiale.
    Venerato e molto amato da induisti e buddisti, è il dio della buona sorte e signore della speranza, della sapienza, ed emblema di intelligenza e perspicacia.
    Collegato al primo chakra, favorisce e protegge lo spirito di sopravvivenza e conservazione, la procreazione ed il benessere materiale.

  • Nepal | Statuetta Quarzo Ganesha – figlio di Shiva

    95,00 
    AYH43

    Incantevole Statuetta completamente scolpita in un unico blocco di trasparentissimo Quarzo Ialino e raffigurante Ganesh, il dio dalla testa di elefante portatore di saggezza e successo, che dona la capacità di rimuovere ogni ostacolo.
    Figlio di Shiva, dona fama e affermazione nel lavoro, e di conseguenza anche guadagno materiale. Venerato e molto amato da induisti e buddisti, è il dio della buona sorte e signore della speranza, della sapienza, ed emblema di intelligenza e perspicacia.
    Collegato al primo chakra, favorisce e protegge lo spirito di sopravvivenza e conservazione, la procreazione ed il benessere materiale.
    Il quarzo ialino, o cristallo di rocca, è sicuramente la varietà di quarzo più conosciuta. Collegato al settimo chakra, sahasrara o della corona, dona la capacità di affinare il pensiero, rendendo possibile l’acquisizione di ciò che ci circonda; crea misticamente il contatto con il divino e a livello personale aiuta la realizzazione dei propri obiettivi.

  • Artigianato Tibetano | Conchiglia tradizionale con Buddha

    500,00 
    AYH42

    Bellissima Conchiglia, interessante oggetto tipico della tradizione e cultura Buddhista.

    Considerata una degli Otto Simboli di Buon Auspicio, la conchiglia viene abitualmente utilizzata come strumento rituale e per questo la si trova spesso decorata con i più significativi motivi religiosi. In questo caso, lavorati a bassorilievo, troviamo scolpiti i Cinque Buddha, Dhyani Buddha, in sanscrito Pancha Buddha, tema ricorrente in moltissime rappresentazioni così popolari in Nepal e non solo, da essere raffigurati ovunque: nei Mandala, negli Stupa e negli Chaitya (piccoli templi), nei cortili e dipinti all’ingresso delle case. I Pancha Buddha hanno un origine antichissima, e sono un’emanazione di Adi Buddha, il principio primordiale; sono la manifestazione di vari aspetti, concreti ed astratti al tempo stesso.

    I Cinque Buddha sono:
    Vairochana, il Buddha, più elevato, rappresentato in bianco, è la figura dominante dei 5, colui che all’interno del Mandala occupa la posizione centrale e simboleggia l’insegnamento, la dottrina e la saggezza assoluta.
    Akshobhya, l’inamovibile, l’imperturbabile, deriva dalla sillaba blu hum – il blu è il suo colore – ed è raffigurato sempre rivolto verso est.
    Ratnasambhava, simbolo dell’elemento terra e della chiarezza della mente, è giallo oro e guarda a sud.
    Amithabha, legato all’ovest, è il Buddha rosso della meditazione, della saggezza libera da preconcetti e giudizi.
    Amogasiddhi, verde, posto a nord ed associato al concetto di presente, è la saggezza che realizza i progetti, capace di comprendere i modi per concretizzare le differenti opportunità che si possono presentare nel corso della vita.

    La Conchiglia della specie Xangus Pyrum, simbolo di purezza e fortuna che protegge dal male, si trova solo nel Golfo del Bengala ed è utilizzata da Induisti e Buddisti in Nepal, India e Tibet per creare i gioielli tradizionali e per decorare i templi.

  • Artigianato Tibet | Cimbali Buddhisti Bronzo

    45,00 
    AYH41

    Cimbali Buddisti in bronzo con motivo decorativo a doppio drago.
    I cimbali, insieme agli strumenti a fiato, vengono suonati in riti specifici, e a seconda del tipo di lega e spessore il loro suono può risultare molto diverso.
    I più piccoli di diametro – che creano un suono più delicato – vengono utilizzati in cerimonie indirizzate a divinità pacate, mentre quelli di dimensione maggiore con un timbro più accentuato, sono percossi durante riti destinati a calmare gli dei adirati. Le differenti vibrazioni emesse da questi semplici strumenti aiutano a raggiungere determinati stadi mentali durante la meditazione e le preghiere recitate dai monaci.

  • Oggetti Tibet | Dorje Bronzo

    60,00 
    AYH37

    Dorje o Vajra, piccolo oggetto in bronzo del peso di 60 grammi.
    IL DORJE

  • Oggetti Tibet | Dorje Bronzo

    95,00 
    AYH39

    Dorje o Vajra, oggetto in bronzo del peso di 220 grammi.
    IL DORJE

  • Portachiavi orientale

    55,00 
    AYH35

    Portachiavi realizzato con un grappolo di materiali assortiti, tutti di provenienza tipicamente Nepalese o Tibetana o comunque utilizzati nell’artigianato locale.
    Pietre, bachelite, semi e argenti.

  • Statuetta Tibetana Amitabha – considerato tra i più antichi Dhyani Buddha

    126,00 
    AYH22SMALL

    Pregiata Statuetta in Ottone originale Tibetana raffigurante Amitabha, considerato uno tra i più antichi dei Dhyani Buddha, colui che rappresenta la compassione.
    Definito come ‘Luce Infinita’, in seguito ai molti meriti che ha acquisito nel corso delle sue innumerevoli vite, grazie a tutte le buone azioni che ha realizzato, vive nel cielo Sukhavati, privo di ogni tensione in una pacifica meditazione.
    La sua figura è legata al colore rosso, quello dell’amore e della compassione, il suo tramite è il pavone ed il suo simbolo il fiore di loto, emblema di nobiltà, apertura e purezza.
    E’ raffigurato nella Samadhi Mudra nel gesto della meditazione, con le due palme delle mani rivolte verso l’alto, una sopra l’altra a formare, con le braccia, un circolo. Tiene la ciotola delle elemosine, segno della rinuncia.
    Quando viene raffigurato sugli stupa è sempre rivolto verso ovest, lato del sole al tramonto, e quindi rosso come il colore a lui attribuito. E’ adorato dai suoi discepoli con la speranza che tramite lui sia possibile la salvezza.
    Riproduzione fedele dell’iconografia classica che lo ritrae, questo delizioso oggetto colpisce per l’eleganza dell’insieme e la ricercatezza dei particolari, come il bellissimo volto dipinto in oro con i dettagli dei lineamenti in contrasto.

  • Conchiglia Tibetana – Sankha – Uno degli Otto Simboli Buon Auspicio Buddismo Tibetano

    48,50 
    AYH34

    La conchigliaSankhaè uno degli Otto Simboli di Buon Auspicio del Buddismo Tibetano.
    Antico oggetto rituale di origine Indiana, la conchiglia bianca è generalmente espressa con la spirale che si evolve verso destra e termina a punta.
    Simbolo della Divinità nella sua forma femminile, di regalità e superiorità, è rappresentazione del profondo, e vittorioso suono che diffonde l’insegnamento del Dharma, raggiungendo e trasmettendosi alle diverse nature, passioni e aspirazioni spirituali, risvegliando dal baratro dell’ignoranza e della sofferenza ogni essere per poter conseguire ed ottenere la liberazione.
    Sankha è il termine sanscrito per definirla ed è un oggetto che ritroviamo anche nella tradizione Induista.
    Simbolo associato a VIshnù, il suo suono acuto e prolungato è un segno per diffondere e rivelare la gloria dei santi. Anticamente, in India veniva utilizzata come tromba durante le battaglie.
    Questo tipo di conchiglia, la Turbinella Pyrum chiamata comunemente Xancus, viene pescata nell’oceano Indiano.

  • Scatolina di artigianato Nepalese in Argento e Corallo

    95,00 
    AYH32

    Graziosa scatolina rotonda completamente impreziosita da lavorazioni decorative in filigrana e da diversi piccoli Coralli rossi.

  • Phurba – Pugnale rituale Tibetano

    180,00 
    AYP501

    Pendente in Argento massiccio che rappresenta il Phurba, pugnale rituale Tibetano usato prevalentemente per compiere cerimonie indirizzate all’uccisione sacra dell’effige umana del nemico: serve inoltre a contrastare i sortilegi evocati contro di noi dai nostri oppositori e protegge dagli spiriti maligni.

    Durante la meditazione, il Phurba aiuta a combattere ed eliminare eventuali cariche negative a noi rivolte ed allo stesso tempo distruggere la rabbia e l’odio che ci sono inviati.

    Oggetto anche da collezione.

  • Decorazione Indiana – Elefante blu

    38,00 
    AYH29

    Tipica Statuina indiana a forma di elefante blu.
    E’ realizzata in fusione di alluminio pieno e completamente dipinta e decorata a mano con smalti dai brillanti colori.
    Da sempre considerato in oriente un animale sacro, all’elefante si attribuiscono doti di grande intelligenza e forza, potere regale, dignità, pazienza e sapienza, longevità e memoria e, non ultima, felicità.
    In India, inoltre, è simbolo di stabilità ed immutabilità del tutto cosmico.

  • Borsetta con tessere di Corno – provenienza Vietnam

    41,90  -30%
    YHB03

    Elegante borsetta artigianale.
    E’ realizzata in tessuto rivestito con tessere di corno.

  • Contapreghiere Buddista

    15,00 
    AYH28

    Questo oggetto viene utilizzato dai credenti durante la recita dei mantra.
    Serve a determinare e definire il numero di invocazioni ripetute, spostando gli anellini in lega e mantenendo così il conto.
    Alle due estremità troviamo da un lato il Dorje, importante simbolo dell’Induismo e del Buddismo Tibetano, rappresentazione del principio maschile, mentre dall’altra la Campana, allegoria dell’immagine femminile.

  • Ohm o Om – Sillaba Mantrica Tibetana

    35,00 
    AYH25A

    Splendido Om o Ohm anche da appendere.
    Sillaba mantrica tibetana, si pronuncia nel momento in cui l’Assoluto diventa parte dell’anima umana, qui è rappresentata come oggetto.

  • Segnalibro con riproduzioni di abiti delle etnie Vietnamite

    10,00 
    AYH23

    Segnalibro in carta e tessuto, riproduzione degli abiti tradizionali delle diverse etnie Vietnamite che abitano questa regione.